M’abituerò” è il nuovo singolo estratto da “Campovolo 2.011 di Luciano Ligabue, triplo album dal vivo e film documentario in 3d che racconta il concerto-evento dello scorso 16 luglio tenutosi all’areoporto di Reggio Emilia e che ha visto il rocker di Correggio esibirsi di fronte a ben 120 mila persone. Uno spettacolo straordinario che ha entusiasmato migliaia di fans provenienti da tutta Italia e che è stato immortalato anche in un cofanetto triplo cd contenente 32 brani.
M’abituerò” è uno dei 3 inediti presenti in scaletta oltre a “Ora e allora” (già uscito come primo singolo) e “Sotto bombardamento”. Prodotto da Corrado Rustici e registrato in studio insieme ai Clan Destino, la prima backing band di Ligabue, “M’abituerò” risale addirittura alle sessions di “Sopravvissuti e sopravviventi”, il terzo album uscito nel 1993, quando ancora il Liga non era il fenomeno da stadio che è diventato oggi.
E’ stato un 2011 ricco di soddisfazioni per Ligabue che oltre al Premio Tenco si è aggiudicato il Premio Videoclip Italiano dell’anno per il brano “Ci sei sempre stata”.

Video ufficiale di “M’abituerò”:

Testo canzone “M’abituerò” di Ligabue:

M’abituerò a non trovarti
M’abituerò a voltarmi e non ci sarai
M’abituerò a non pensarti
Quasi mai, quasi mai, quasi mai

Alla fine c’è sempre uno strappo
E c’è qualcuno che ha strappato di più
Non è mai qualcosa di esatto
Chi ha dato ha dato e poi chi ha preso ha preso tutto quel che c’era
Non conta più sapere chi ha ragione
Non conta avere l’ultima parola, ora

M’abituerò a non trovarti
M’abituerò a voltarmi e non ci sarai
M’abituerò a non pensarti
Quasi mai, quasi mai, quasi mai

Alla fine non è mai la fine
Ma qualche fine dura un po’ di più
Da qui in poi si può solo andare
ognuno come può portando nel bagaglio quel che c’era
E le macerie dopo la bufera
Ricordi belli come un dispiacere, ora

M’abituerò a non trovarti
M’abituerò a voltarmi e non ci sarai
M’abituerò a non pensarti
Quasi mai, quasi mai, quasi mai

email

Commenta

NO COMMENTS

Leave a Reply