In un Anfiteatro Pecci stracolmo è andata in scena ieri sera una di quelle serate che per Prato resteranno sempre memorabili, di quelle che si dirà: “quella volta che hanno suonato in città i Calexico io c’ero”.

Ecco, proprio così, la band di Joey Burns e John Convertino ha regalato alla città toscana uno show al fulmicotone, ricco di quelle atmosfere filomessicane che li hanno resi iconici e che hanno reso il loro rock desertico pressochè unico.

Con l’aiuto di uno splendido Jacub Valenzuela alla tromba e Jairo Zavala alla chitarra il sound della band ha avvolto la cornice dell’anfiteatro, in pratica “costringendo” a ballare tutto il pubblico.

Da “End of the world with you”, passando per “Under the wheels”, fino a toccare le sonorità di Alfredo Jimenez con la splendida “Serenata huasteca”, per arrivare a “Flores y tamales” i Calexico non hanno fatto mancare niente del loro sconfinato repertorio: la loro capacità di coinvolgere il pubblico, creando un’empatia unica e divertendosi loro per primi sul palco, è stato l’ingrediente fondamentale di uno show musicalmente pregevolissimo.

Sono veramente sempre più rare le band capaci di creare qualcosa di poco incasellabile e di qualità, i Calexico in questo non sono secondi a nessuno: per definire il loro sound sono state coniate delle definizioni nuove e questo rende l’idea della genialità della coppia Convertino – Burns.

A distanza di 22 anni dal primo disco i Calexico continuano a sorprendere, restando fedeli a loro stessi. Non resta che goderseli, applaudire. E ballare.

CALEXICO Setlist @ Anfiteatro Centro Pecci (13/07/18 – Festival delle Colline)

Epic

End of the world with you

Voices in the field

Under the wheels

Frontera

Trigger

The town & miss Lorraine

Sonic wind

Cumbia de donde

Not even Stevie Nicks (including Love will tear us apart, Joy Division cover)

Serenata Huasteca (Josè Alfredo Jimenez cover)

Sunken Waltz

Thrown to the wild

Splitter

Flores y tamales

Music box

Crystal frontier

 

Nao Queiras (Raul Marques cover)

Another space

Corona (Minutemen cover)

Guero canelo

Alessio Gallorini
Classe 1987. Scrive e ascolta musica fin da quando gli hanno comprato uno stereo e dato un'educazione. Toscano doc, conduce un programma radiofonico tutto "home-made" che non poteva che chiamarsi "L'Appartamento". Laureato in giurisprudenza, ma allergico ai tribunali. Ama la letteratura e tutto ciò che è arte. Finchè non si annoia. Frase del cuore: "Costruire è sapere, è potere rinunciare alla perfezione".