Il titolo è già tutto un programma perchè è di ottimo Blues Rock di cui stiamo parlando. Già perchè l’enfant prodige Joe Bonamassa, sempre on stage, e sempre in cerca di una nuova chitarra per la sua immensa collezione vintage,  trova anche il tempo di scrivere nuovi pezzi e comporre così un nuovo disco di inediti “Blues of Desperation” uscito fresco fresco alla fine di Marzo.

81Co1cXH0fL__SL1500_

La fama di Joe è nota non solo al pubblico di genere (Blues ovviamente) ma si è allargata anno dopo anno raggiungendo grandi livelli di ascolto che travalicano trasversalmente il mondo del rock grazie alla sua maestria tecnica e compositiva.

E’ senza dubbio ormai considerato uno dei più grandi chitarristi rock, uno che ha saputo imparare dai grandi del passato, miscelando sapientemente la tradizione del blues rock di Muddy Waters o B.B. King con la creatività e la follia di Jimi Hendrix, alla tecnica di Eric Clapton e la forza di Steve Ray Vaughan.

Bonamassa ha alle spalle migliaia di ore passate imbracciando il suo strumento , tra session , concerti e collaborazioni,  e certamente ascoltando il nuovo disco si sente tutta la carica di questo straordinario background. Non dimentichiamo che Joe è anche dotato di una grande vocalità con un timbro black soul importante capace di impreziosire le 11 tracce del nuovo disco.

All’interno troviamo la quintessenza del Blues rock con tutti gli ingredienti necessari a preparare una miscela di grande impatto. Voce blues con tonalità calde ed avvolgenti, assoli di chitarra per veri intenditori, base ritimica precisa e potente che in alcuni casi fa uso della doppia batteria il tutto condito da una  produzione come sempre super professionale.

Si inizia subito forte con This Train sferragliante cavalcata con uno sterpitoso duetto chitarra- pianoforte che fa il paio con la track 8 Distant Lonesome Train, proseguendo poi con i due grandi singoli che hanno preceduto l’album vale a dire Mountain Climbing e Drive. Questa sequenza basterebbe già per fare di questo disco un numero uno del genere e non solo.  Come dire ascoltare per credere !

Ma Joe è pronto a stupirici anche più avanti, perchè la titletrack Blues of Desperation è un sincopato rock blues a due livelli di intensità che ci ammalia con le sue chitarre graffianti le sue distorsioni oltre sei minuti di “disperazione blues”.

I classiconi blues non possono mancare e pezzi  come Livin Easy , What I’ve known for very long time e ancor di più la straordinaria You left me nothing but the bill and the blues.

C’è lo spazio anche per un un country rock come The Valley Runs low giusto per non scontentare nessuno perchè in fondo quello che vogliamo ascoltare da Bonamassa è la sua chitarra, immergerci nella magia del blues , immaginando di viaggiare lontano su queste note…….

Tracklist

1. THIS TRAIN

2. MOUNTAIN CLIMBING

3. DRIVE

4. NO GOOD PLACE FOR THE lONELY

5. BLUES OF DESPERATION

6. THE VALLEY RUNS LOW

7. YOU LEFT ME NOTHIN’ BUT THE BILL AND THE BLUES

8. DISTANT LONESOME TRAIN

9. HOW DEEP THIS RIVER RUNS

10. LIVIN’ EASY

11. WHAT I’VE KNOWN FOR A VERY LONG TIME

fERDIDAS

CONCERTIONLINE.COM