Dopo essere passati già questa estate nel nostro Paese con due date live – 8 luglio al Lars Rock Fest di Chiusi (SI) e 28 luglio all’Apolide Festival di Vialfré (TO) – i Public Service Broadcasting stanno tornando in Italia con due concerti a Milano e a Roma. Il due britannico salirà sul palco del Santeria Social Club di Milano il 9 novembre e del Monk Club di Roma il 10 novembre.

I Public Service Broadcasting sono un duo musicale composto da J. Willgoose, Esq. (chitarra, banjo, strumenti a corda, sampling e strumenti elettronici) e Wrigglesworth (batteria, piano e strumenti elettronici). La loro missione dichiarata è “insegnare le lezioni del passato attraverso la musica del futuro”. Per farlo, utilizzano samples audio e video tratti da vecchi public information films (cortometraggi educativi commissionati dai governi USA e UK a partire dagli anni Quaranta), materiale d’archivio e pellicole di propaganda accompagnati da strumentazione live. Il loro album di debutto “Inform – Educate – Entertain”, del 2013, ha subito ottenuto un buon successo di pubblico e critica, raggiungendo la posizione numero 21 della classifica britannica e ricevendo ottime recensioni da testate giornalistiche importanti come The Indipendent, MOJO e The Guardian. Ottimo anche il percorso live intrapreso: oltre ad essersi esibiti in festival importanti come Glastonbury, Bestival e Green Man, i Public Service Broadcasting sono state la band di apertura del tour europeo dei Manic Street Preachers e hanno fatto da spalla ai Rolling Stones al British Summer Time 2013 a Hyde Park. Il 23 febbraio 2015 è uscito loro secondo album “The Race For Space”, che li ha confermati come una band molto amata ed è stato tra gli album più venduti del 2015.

Il loro terzo lavoro “Every Valley” è uscito il 7 luglio 2017 ed è stato anticipato dal nuovo singolo “Progress“, che affronta con sguardo divertito un argomento molto serio e di attualità: la meccanizzazione e il suo posto nella storia del progresso dell’umanità. Il video si ispira ai film sulla guerra fredda degli anni sessanta ma si ispira anche, dichiaratamente e in modo rispettoso, al lavoro dei Kraftwerk.

L’album “Every Vallery” racconta in musica la storia del settore minerario del carbone nel Galles del Sud, ripercorrendone la parabola di ascesa e caduta e nel farlo affronta temi ben più universali e attuali come la globalizzazione, la meccanizzazione e il declino che possono portare in alcune comunità divenute nel tempo dipendenti dal alcuni tipi di industria.

I Public Service Broadcasting porteranno ora la loro visione sul palco di Milano e Roma, in due concerti da non perdere. Biglietti ancora disponibili su Ticketone al prezzo di 20,70 euro + prevendita.