La cantante irlandese aveva 46 anni e ancora non si conoscono le cause del decesso

Arriva una notizia terribile per tutti gli amanti della musica a rendere ancora più straziante questo “blue monday” 2018: ad appena 46 anni ci ha lasciato Dolores O’Riordan, voce dei The Cranberries, formazione pop-rock che ha segnato gli anni ’90 con hit del calibro di “Zombie”, “Dreams” o “Linger” vendendo milioni di dischi.

La O’Riordan, come si apprende dalle parole della sua stessa manager, si trovava in questo momento a Londra per una breve sessione di registrazione e al momento non si conoscono le cause della morte, anche se la band già lo scorso anno era stata costretta ad annullare il proprio tour per i problemi di salute della cantante (ricordete le tappe saltate di Firenze, alla prima edizione di Firenze Rocks, e Milano, al Teatro degli Arcimboldi), ricondotti in quel momento a dolori alla schiena, ma che potrebbero adesso celare una verità ben più dolorosa ed esiziale come quella di un cancro.

Dolores O’ Riordan entra a far parte dei The Cranberries nel 1990 in sostituzione del cantante Niall Quinn. La band pubblicherà tre album: Everybody Else Is Doing It, So Why Can’t We? (1993), No Need to Argue (1994), l’album contenente la canzone Zombie premiata agli MTV Awards come migliore canzone del 1995, e To the Faithful Departed (1996). Il 12 settembre 1995, Dolores O’Riordan è sul palco a duettare con Luciano Pavarotti. Nel 1999 esce il nuovo disco, Bury the Hatchet, a cui seguirà un tour. Dopo altre due pubblicazioni, Wake Up and Smell the Coffee e il loro Greatest hits Stars – The Best of 1992 – 2002, i componenti della band si separano, senza molto clamore e senza dichiarare ufficialmente lo scioglimento, nel 2003. Il 25 agosto 2009,  la O’Riordan annuncia la riunione del gruppo. Durante il tour viene pubblicato un nuovo album. La prima uscita solista di Dolores O’ Riordan è del 2004, per la colonna sonora del film di Mel Gibson ‘La passione di Cristo’. Nel 2004 compare nell’album Zu & Co. di Zucchero Fornaciari, con la canzone Pure Love, eseguita anche dal vivo in duetto nello Zu & Co. Tour, e nella colonna sonora del film ‘Evilenko’. Nell’ottobre del 2007 duetta con Giuliano Sangiorgi (leader dei Negramaro) nel brano intitolato Senza fiato. La canzone fa parte della colonna sonora di ‘Cemento armato’, film che segna l’esordio da regista dello sceneggiatore Marco Martani. Il suo primo album da solista, intitolato Are You Listening?, viene pubblicato il 4 maggio 2007 dalla Sanctuary Records, poco prima della sua unione alla Universal music. L’album è preceduto dal singolo Ordinary Day. Il disco è formato da dodici tracce molto varie. Una delle prime canzoni, Black Widow, è stata composta nel 2003. Il secondo album solista di Dolores O’Riordan è No Baggage, pubblicato il 25 agosto 2009; contiene dieci brani inediti più una nuova versione di Apple of My Eye, canzone contenuta nell’album precedente.

A partire dal 18 ottobre 2013 la O’Riordan è stata uno dei giudici del talent show ‘The Voice’ edizione Irlanda, nel quale giudica e guida i concorrenti sino alla finale.

I familiari della O’Riordan, si apprende, sono distrutti dall’aver appreso la notizia e hanno chiesto di rispettare la loro privacy in questo momento molto difficile”, afferma una nota pubblicata dal suo addetto stampa.

Alessio Gallorini
Classe 1987. Scrive e ascolta musica fin da quando gli hanno comprato uno stereo e dato un'educazione. Toscano doc, conduce un programma radiofonico tutto "home-made" che non poteva che chiamarsi "L'Appartamento". Laureato in giurisprudenza, ma allergico ai tribunali. Ama la letteratura e tutto ciò che è arte. Finchè non si annoia. Frase del cuore: "Costruire è sapere, è potere rinunciare alla perfezione".