Dopo il pieno di ascolti registrato nel corso dell’edizione 2018, Claudio Baglioni è stato riconfermato al timone del Festival di Sanremo anche per il 2019, sia come direttore artistico che come conduttore. Il cantante, però, ha fatto sapere che il meccanismo della gara della 69esima kermesse della città dei fiori verrà, almeno in parte, stravolto: se al centro rimarrà, come di consueto, la musica, la competizione canora tra giovani e veterani non verrà più marcatamente suddivisa come succedeva nelle precedenti edizioni. Dal prossimo anno, infatti, non assisteremo più all’assegnazione di due premi separati per Nuove Proposte e Big, ma entrambi gareggeranno nella stessa categoria contendendosi la vittoria ed il titolo.

All’interno della gara ufficiale, infatti, come lo stesso Baglioni ha annunciato, verranno ammessi solo due giovani emergenti, i quali saranno scelti nel corso di due prime serate e quattro preserali (Sanremo Giovani) che andranno in onda a dicembre su Rai 1. Soltanto i primi due classificati – tra i 24 selezionati – in questa sorta di pre-gara, dunque, approderanno ufficialmente sul palco dell’Ariston. In questo modo, Claudio Baglioni e il direttore di Rai 1, Angelo Teodoli, hanno fatto sapere di voler dare maggiore visibilità allo spazio dedicato ai giovani artisti, facendolo diventare ‘un evento a sé stante e una gara avvincente per investire nella musica italiana e nei suoi talenti‘.

Le date ufficiali sono state da poco annunciate: il Festival di Sanremo 2019 andrà in onda tra il 5 e il 9 febbraio 2019 in diretta dal palco del Teatro Ariston.

Mara Guzzon
I listen, I write, I think. La musica per me è vita e i concerti ne sono la più diretta, efficace ed emozionante rappresentazione. Osservare, ascoltare e scrivere sono tre dei miei passatempi preferiti. Giornalista, copywriter e web editor, in redazione mi occupo di news, live-report e interviste.