Teresa De Sio si è esibita a Treviso nell’ambito di Suoni di Marca festival 2017 in una serata interamente dedicata alla musica partenopea ed in particolare al ricordo del grande Pino Daniele. Prima di lei hanno suonato per più di un’ora James Senese e Napoli Centrale, la band da lui fondata proprio nel 1975, la cui formazione attuale vede , oltre allo stesso Senese alla voce e al sax, Gigi De Rienzo al bassoErnesto Vitolo alle tastiere e Agostino Marangolo alla batteria, che hanno proposto un ricco repertorio di brani strumentali e cantati di grande spessore ed intensità.

Il tour che Teresa De Sio porta in giro per l’Italia in questa estate 2017 si intitola come l’ultimo album in studio della cantautrice ed interprete napoletana, Teresa canta Pino (pubblicato a gennaio di quest’anno) e vuol essere un omaggio affettuoso all’amico e collega scomparso improvvisamente nel 2015. La De Sio spiega, con enfasi e grande partecipazione emotiva che, quando giunse la notizia della morte del musicista, stava lavorando ad un proprio album di inediti, che ha accantonato spinta dal bisogno di reinterpretare con la propria passione i successi intramontabili dell’amico Pino, a dispetto di qualche critica che si è comunque attirata.
Teresa De Sio interpreta Pino Daniele con vero entusiasmo, affetto e comunque grande rispetto e questo concerto è nell’insieme molto ben riuscito e coinvolgente. La cantautrice è affiancata sul palco da sei musicisti di grande talento, che con i loro strumenti (violino, tastiere, fiati, basso, chitarra e batteria) danno nuova vita e nuovi arrangiamenti alle canzoni più note della discografia di Daniele, da Je so pazzo a Notte che se ne va, da O’scarrafone a Quanno chiove passando per la splendida ed intensa Chi tene o’ mare, nonché ad alcuni brani portati al successo dalla stessa De Sio come Voglia e’ turnà, Aumm aumm, Positano per concludere con l’intramontabile ed immancabile Napul’è  di Daniele e un classico della canzone napoletana come Tammuriata Nera.
Non manca un brano dedicato dalla stessa cantautrice all’amico scomparso, intitolata O’ Jammone che, come ci spiega nel linguaggio segreto dei musicisti napoletani (la parlesia) significa “il Capo”.

Teresa De Sio è un’artista solare, entusiasta, vivace e ricca di colori come la sua terra, e ha saputo rendere questo live un vero e proprio inno alla gioia nel ricordo sereno e ricco di gratitudine verso uno degli artisti più significativi e geniali del panorama musicale italiano, non solo partenopeo.

Scaletta del concerto di Treviso

Bella m’ briana
Je so pazzo
Lazzari felici
Notte che se ne va
O’ Jammone
Chi tene o’mare
O’ scarrafone
Fatte na pizza
Quanno chiove
(Strumentale)
Voglia e’ turnà
Positano
Padroni e bestie
Salta salta
Aumm aumm
Napul’ è
Tammuriata nera