Quando due artisti tanto raffinati e sensibili si incontrano, non possono che nascere “fiori” di particolare bellezza. Nel 2012 Marina Rei e Paolo Benvegnù hanno iniziato a collaborare e hanno composto insieme il brano Nei fiori infranti contenuto nell’album di lei La conseguenza naturale dell’errore, e in questa estate 2018 si sono ritrovati mettendo in piedi un tour chiamato “Canzoni contro la disattenzione”, da loro stessi definito come una sorta di “educazione al sentire”, con il quale stanno girando l’italia e che lo scorso 29 luglio ha fatto tappa nella splendida cornice dei bastioni delle mura di Treviso nell’ambito di Suoni di Marca festival 2018.

Un concerto ricco, basato sul repertorio di entrambi i cantautori interpretato in duo, con le voci che si incontrano, si abbracciano e si sovrappongono in maniera molto interessante. La scaletta del concerto, per l’occasione leggermente ridotta rispetto al solito per questini di tempo (nella stessa serata si sono esibiti prima di loro il Carlo Colombo Quintet e Sergio Caputo nell’ambito della serata chiamata ironicamente “Un sabato italiano…di domenica!”), ha proposto inoltre la rivisitazione molto intensa di alcune perle della musica d’autore italiana, brani interpretati con grande trasporto emotivo.

L’ energica cantautrice romana in alcuni brani ha suonato la batteria, ma ha saputo anche regalare momenti di grande intensità ed emozione in apertura, con La canzone dell’amore perduto, e nella riproposta dei brani di impronta cantautorale di Benvegnù, dal testo introspettivo e riflessivo, come Cerchi nell’acqua.
Altri episodi da ricordare della serata, la grintosa Donna che parla in fretta della Rei, “recitata” seduta alla batteria, la poetica Elegia di Paolo Conte e il duetto meravigliosamente intenso su Che cosa son le nuvole dell’indimenticabile e indimenticato Domenico Modugno.
L’incontro di due figure caratterialmente molto differenti, vulcanica ma elegante lei, più timido e schivo lui, funziona, e il pubblico gradisce in modo evidente questa particolare e insolita alchimia.
Sul palco, i due cantautori sono affiancati dalla band dei musicisti di Benvegnù.

Il tour dei due cantautori proseguirà e chissà che da questa esperienza possa nascere qualcosa di particolare, ci auguriamo, come un album live, un disco insieme, o chissà quali altre sorprese.

Prossime date:

4/08 Bordighera (IM) – Aspettando Godot

24/08 Rionero in Vulture (PZ) – Vulvanica Festival

Marina Rei e Paolo Benvegnù

Scaletta del 29.07.2018, Treviso Suoni di Marca 2018

 Canzoni contro la disattenzione

  1. La Canzone dell’amore perduto (de André)
  2. Il mare verticale (Benvegnù)
  3. Pensiero stupendo (Patty Pravo)
  4. Cerchi nell’acqua (Benvegnù)
  5. I miei complimenti (Rei)
  6. Up patriots to arms (Battiato)
  7. Donna che parla in fretta (Rei)
  8. Io e il mio amore (Benvegnù)
  9. È solo un sogno (Benvegnù)
  10. Cosa sono le nuvole (Modugno)
  11. Al di là di questi anni (Rei)
  12. Noi (Rei)
  13. Un inverno da baciare (Rei)
  14. Elegia (Conte)
  15. Il mare è bellissimo (Benvegnù)
  16. Nei fiori infranti (Rei + Benvegnù)

 

Valeria Bissacco
Nata sotto il segno dei Pesci, diplomata in Pittura all’Accademia di Belle Arti di Venezia, mi occupo di fotografia, di pittura e di arti marziali. Appassionata di musica italiana, armata delle mie Canon seguo da sempre i concerti dei miei amati cantautori e dei gruppi storici. Cerco, con il mio lavoro, di cogliere l’emozione della musica dal vivo attraverso le espressioni dei protagonisti, la gestualità degli artisti sul palco, le luci e i colori dello spettacolo musicale, le reazioni e lo stupore del pubblico.