Conor Mason e compagni infiammano il Zona Roveri Music Factory, completamente sold out per la loro ultima data europea

La sensazione netta, appena finito il live dei Nothing but thieves a Zona Roveri (Bologna) di ieri sera, è stata quella di trovarsi di fronte alla “next big thing” della musica inglese: appena due dischi all’attivo (l’eponimo e il recente “Broken Machine”) e già una capacità di intrattenere degna di un grande festival o di platee ben più grandi rispetto ad un live club già comunque stracolmo di persone, un pubblico già affezionatissimo che cantava a memoria ogni singola strofa.

Si poteva forse presagire qualcosa di simile per loro, quando nel 2015 aprirono i Muse nella loro data a Roma, ma una crescita così repentina è comunque sorprendente e, allo stesso tempo, meritata: Conor e soci sono animali da palcoscenico e i loro brani sono potenziali inni per una generazione di 20/30enni che si ritrovano sia nei loro pezzi più catchy, come l’ottima “Trip switch”, sia nelle ballate (da brividi “Lover, please stay”).

Il sound è potente, denso, non lascia respiro e soprattutto non lascia spazio a momenti morti: ti guardi intorno e vedi gente estasiata, sorridente, che salta follemente (provate a stare fermi su “Ban all the music”) o che si commuove (“Sorry”) ed il tutto è esaltato dalla voce di Conor Mason, probabilmente una delle più belle e versatili della sua generazione, che in certi momenti ricorda quasi quella di Serj Tankian (e sicuramente i SOAD sono tra gli ascolti dei Nothing but thieves).

Quella bolognese era l’ultima data di un tour europeo che ha dato definitivamente la percezione che i Nothing but thieves sono una grande band, pronta a fare il salto definitivo verso platee che non si contino più in migliaia, ma in decine di migliaia, già probabilmente in veste di headliner.

C’è una generazione che li vuole, che si sente rappresentata da loro, che vede in questo smilzo biondo ragazzo dell’Essex un’icona.

Personalmente sono pronto a scommettere su di loro e a consigliarvi un loro live, ne resterete estasiati: è uno di quei live in cui sfogarsi in senso sia fisico che emotivo.

Chi li ha visti in questi primi due tour sicuramente lo racconterà vantandosene quando le platee saranno ancora più vaste.

NOTHING BUT THIEVES Setlist @ Zona Roveri (Bologna 04-02-18)

  1. I’m Not Made by Design
  2. Live Like Animals
  3. Wake Up Call
  4. Trip Switch
  5. Soda
  6. Number 13
  7. Drawing Pins
  8. Graveyard Whistling
  9. I Was Just a Kid
  10. Get Better
  11. Itch
  12. Jam
  13. If I Get High
  14. Broken Machine
  15. Lover, Please Stay
  16. Ban All the Music
  17. Sorry

Encore:

18. Particles

19. Amsterdam

Alessio Gallorini
Classe 1987. Scrive e ascolta musica fin da quando gli hanno comprato uno stereo e dato un'educazione. Toscano doc, conduce un programma radiofonico tutto "home-made" che non poteva che chiamarsi "L'Appartamento". Laureato in giurisprudenza, ma allergico ai tribunali. Ama la letteratura e tutto ciò che è arte. Finchè non si annoia. Frase del cuore: "Costruire è sapere, è potere rinunciare alla perfezione".