24 ore dopo il previsto la band di Greg Gonzalez ha estasiato Villa Torlonia

La giusta atmosfera tetra e malinconica, ideale per il live dei Cigarettes after sex di martedì 25 luglio, ci aveva pensato madre natura a crearla: nuvoloni minacciosi si sono addensati improvvisamente sopra il cielo di Villa Torlonia a San Mauro Pascoli (FC) pochi minuti prima del previsto inizio della serata.

Sfortunatamente i medesimi nuvoloni hanno dato vita a un loro autonomo show: 40 minuti di assoluto delirio, un temporale estivo in piena regola tra tuoni, lampi e vento, 40 minuti che hanno fatto sì che il live dei Cigarettes fosse spostato di 24 ore esatte (fortunatamente la band aveva alcuni day off a disposizione per recuperare subito la data), data l’impossibilità di ripristinare il palco in sicurezza.

E così, 24 ore dopo il previsto, eccoci di nuovo (con doppia dose di chilometri sulle spalle) di fronte a Greg Gonzalez e soci: stavolta l’atmosfera è buia solo perchè volutamente resa così dai video proiettati dalla band sullo sfondo del palco, il cielo è invece straordinariamente stellato, perfetto compendio di una musica che fa sognare: i Cigarettes sciorinano il loro dream pop senza risparmiarsi, quasi a volersi scusare della tanta attesa, passando da “Sweet” a “Each time you fall in love” fino agli ormai “istant classics” “Affection” e “Nothing’s gonna hurt you baby” e regalando anche per la prima volta live “Truly”, proprio per premiare coloro che per due giorni consecutivi hanno deciso di venirli a sentire.

L’ atmosfera che si respira è a dir poco magica, si ha davvero la sensazione di stare assistendo a qualcosa di straordinario, di perfetto nel suo essere studiato in ogni minimo dettaglio: la voce di Gonzalez in bilico tra i sessi, la batteria che tiene il tempo melliflua e mai invadente e il tappeto sonoro di quella che altri non è se non una splendida, ispirata colonna sonora di una storia d’amore.

Siamo effettivamente di fronte a una potenziale “next big thing” del pop mondiale, lo si percepisce, e la possibilità di vederli in una dimensione tanto intima (e in uno scenario assolutamente da non sottovalutare) li fa apprezzare ancora di più: questi sono i Cigarettes after sex, naturali, semplici.

Riescono a sussurrare alle orecchie (e al cuore) tutta la profondità di certe emozioni.

Non sono molte le band in grado di farlo, ancora meno quelle che non hanno una storia decennale alle spalle. Teniamoceli stretti. In fondo, è tutta questione di “Affection”.

Alessio Gallorini
Classe 1987. Scrive e ascolta musica fin da quando gli hanno comprato uno stereo e dato un'educazione. Toscano doc, conduce un programma radiofonico tutto "home-made" che non poteva che chiamarsi "L'Appartamento". Laureato in giurisprudenza, ma allergico ai tribunali. Ama la letteratura e tutto ciò che è arte. Finchè non si annoia. Frase del cuore: "Costruire è sapere, è potere rinunciare alla perfezione".