Il suo singolo “Che Fico” è la rivisitazione in chiave elettro-dance del brano portato al successo nel 1982 da Pippo Franco e sta spopolando in radio e su youtube. Fabio Milella, artista barese che a fine giugno ha pubblicato l’album “ElettOttanta”, ci racconta le fasi di realizzazione del suo disco, che si presenta come un vero e proprio tuffo negli anni ’80: ecco l’intervista.

1) Lo scorso giugno è uscito il tuo disco “Elettrottanta”. Potresti spiegare brevemente di cosa si tratta per chi non l’ha ancora ascoltato?

Elettr0ttanta è un disco divertente, ballabile e sanamente frivolo, tanto quanto gli anni ’80. Riflette la meravigliosa luce di quegli anni con l’aggiunta del grande entusiasmo che ci abbiamo messo per produrlo. In questi tempi di crisi e di grattacapi, ci sembrava opportuno portare avanti un progetto così leggero ed estivo

2) Come scegli e crei i brani che poi incidi?

I brani li abbiamo scelti in base alla loro carica e la loro energia. Non abbiamo voluto stravolgerli appositamente, l’uso del Moog Prodigy e dei Vocoder hanno dato lo stampo, il resto sono tutti suoni modernissimi, curati nei minimi particolari dal nostro grande Paolo Castrini.
I brani li scelgo con la mia squadra. Faccio tutto con loro. L’idea che mi piace della musica è la condivisione con tutto il mio gruppo Elettr0ttanta, ad iniziare dal gran capo e responsabile del progetto, Riccardo Vitanza, al mio produttore artistico Fausto Dasè, fino ad arrivare a tutti gli altri componenti dello staff. Una volta finito il lavoro ce lo godiamo nei live con il nostro meraviglioso pubblico.

3) Che musica ascolti in questo periodo? C’è qualcuno che ha influenzato più di altri il tuo lavoro creativo?

Ascolto molto la radio, anche per capire le tendenze del momento. A me piace ascoltare tutti e nessuno  in particolare. Mi piace ascoltare pezzi nuovi che non conosco. Per quanto riguarda il mio lavoro discografico, l’unica ispirazione che abbiamo avuto sono stati gli stessi anni ’80: che magia!

4) Da dove è nata la scelta di rivisitare in chiave elettronica proprio il brano “Che Fico”?

Io e Riccardo tornavamo da una vacanza in Africa e all’aeroporto di Nairobi, gli ho proposto il brano “Che fico” di Pippo Franco da inserire nel nuovo disco che volevamo produrre. Inizialmente mi ha guardato con un’aria un po’ perplessa, un secondo dopo ci si è aperto un mondo…fico no?

5) Hai in programma date live o altri progetti per queste prossime settimane estive?

Sto facendo tanti live in piazza, mi stanno chiamando ovunque. Ricordo con piacere la Notte Bianca a Bari che è la mia città natale e poi tante altre date nella mia amata Puglia.
Una delle ultime è stata due domeniche fa a Barletta, la piazza era in visibilio, il pubblico mi da la forza di continuare e spingere sempre più forte, sono loro che mi sostengono sempre e che danno un senso a tutto quello che faccio.
Sabato scorso sono stato a Molfetta e domenica a Lecce per aprire il Ciccio Riccio Tour, poi in giro tra le Marche, il Lazio, la Campania e la Puglia. A settembre parteciperò ad un grosso evento che si terrà a Vieste.

 

Mara Guzzon
I listen, I write, I think. La musica per me è vita e i concerti ne sono la più diretta, efficace ed emozionante rappresentazione. Osservare, ascoltare e scrivere sono tre dei miei passatempi preferiti. Giornalista, copywriter e web editor, in redazione mi occupo di news, live-report e interviste.