Sette album, otto festival di Sanremo, 27 singoli , due colonne sonore in 19  anni di carriera.

Nel leggere questi numeri si potrebbe pensare ad un artista di una certa età, con una carriera importante alle spalle e tanti successi.

In realtà stiamo parlando della poco più che trentenne Anna Tatangelo che sta portando in giro per l’Italia il suo tour nei club che prende il nome dal CD uscito da poco “La fortuna sia con me”.

Un titolo che suona come un augurio per un’artista con una voce potente e precisa e con una bellezza innegabile anche se eccessivamente amplificata da chirurghi estetici ma che, forse, ha raccolto molto meno di quanto si aspettava.

La data romana ha avuto luogo a Largo Venue davanti ad un pubblico non numerosissimo ma molto fidelizzato ed appassionato che segue l’artista di Sora spesso per più di una data dello stesso tour.

Ovviamente il nuovo disco occupa una parte predominante nella scaletta della serata come la canzone portata a Sanremo  “Le nostre anime di notte”.

Non possono mancare gli altri successi, anche questi sanremesi. Che hanno costellato la carriera di Anna: “Doppiamente Fragili” “Volere volare”, “Ragazza di periferia”, “Essere una donna” (brano scritto per lei da Mogol, con cui conquisterà il primo posto nella categoria “Donne”), “Il mio amico” “Bastardo” e “Libera”.

Ad Impreziosire la serata ci hanno pensato gli ospiti intervenuti come i rapper Briga e Gemello con cui hanno eseguito il brano “Nessuna è più bella di te” e soprattutto la bravissima Paola Turci con cui ha cantato il grande successo di Domenico Modugno “Dio come ti amo” e “Fatti bella” per te portata al successo dalla cantautrice romana.