Lunedì 6 marzo i Baustelle hanno portato le sonorità del loro ultimo, acclamato, lavoro “L’ amore e la violenza” in quel tempio della musica che sta diventando il Nuovo Teatro dell’Opera di Firenze, per l’occasione stracolmo di fan devoti a Bianconi e compagni.

Quello che è andato in scena è uno spettacolo che probabilmente eleva i Baustelle tra le band “oracolo” del pop italiano: grafiche e sonorità rubacchiate ai migliori Pulp d’annata i tre musicisti senesi, accompagnati da una band straordinaria (Andrea Faccioli alle chitarre e Sebastiano De Gennaro alla batteria, tanto per citare due componenti di spicco) hanno regalato due ore di musica straordinaria, una sinfonia ballabile orchestrata alla perfezione, tra ritmi rallentati e improvvise accelerazioni, coadiuvate da azzeccatissime grafiche visual.

La piccola malvagità è stata forse proprio quella di realizzare un live simile in teatro, dato che fin da “Il vangelo di Giovanni”, viene voglia di alzarsi e ballare e la poltroncina rossa in cui si è costretti risulta quasi una tortura.

I nostri hanno però voluto privilegiare l’acustica che gli era concessa da un simile palcoscenico e mai come in questo tour (anzi, mi correggo, già il tour di “Fantasma” aveva fatto presagire questi sviluppi) si è forse notato il lavoro e la cura che mettono i Baustelle negli arrangiamenti e nell’armonizzazione delle voci di Francesco e Rachele, perfetto incastro di toni ed espressioni armoniche.

Quello che ne è scaturito è uno spettacolo oscenamente, volutamente, dichiaratamente pop, quel pop di un livello che in Italia si possono permettere solo personaggi come Franco Battiato.

E’ innegabile che i Baustelle, negli ultimi anni, siano stati probabilmente l’unica band a riuscire a compiere appieno e con simile forza il salto dal mondo dell’indie a quello dei grandi palchi e, dopo alcune fasi di adattamento, adesso anche dal vivo abbiano la capacità di ammaliare e stupire, pur rimanendo sempre fedeli alla propria cifra stilistica. La loro è davvero musica sinfonica (in discoteca?).

BAUSTELLE SETLIST @ Nuovo Teatro dell’Opera – Firenze (06/03/2017)

Love

Il Vangelo di Giovanni

Amanda Lear

Betty

Eurofestival

Basso e batteria

La musica sinfonica

Lepidoptera

La vita

Continental stomp

L’era dell’acquario

Ragazzina 

Charlie fa surf

Monumentale

Un romantico a Milano

Gomma

Bruci la città

La canzone del parco

L’aeroplano

La moda del lento

La canzone del riformatorio

La guerra è finita

Veronica (inedito)

Le rane

Alessio Gallorini
Classe 1987. Scrive e ascolta musica fin da quando gli hanno comprato uno stereo e dato un'educazione. Toscano doc, conduce un programma radiofonico tutto "home-made" che non poteva che chiamarsi "L'Appartamento". Laureato in giurisprudenza, ma allergico ai tribunali. Ama la letteratura e tutto ciò che è arte. Finchè non si annoia. Frase del cuore: "Costruire è sapere, è potere rinunciare alla perfezione".