Chiara “Oakland” Castello e Camilla Matley sono le I’m not a blonde, il duo “arty-electro-pop” milanese che lo scorso 26 gennaio ha pubblicato il secondo album “The blonde album”.

Anticipato dai singoli A Reason, Daughter e The Road, hanno presentato il nuovo album al BIKO di Milano la sera del 25 gennaio con un live, affiancate da Leziero Rescigno alla batteria.

Salgono sul palco poco dopo le 22.30, e in un attimo si scalda l’atmosfera. Si ha come l’impressione di essere catapultati in un’altra dimensione, fatta di suoni moderni e nostalgici.
Sul palco si muovono costruendo i suoni con loop che si sovrappongono; voci, chitarre e synth si sommano, facendo del loro live-set una performance che riempie gli spazi sonori di una full band. Si guardano e si trovano in perfetta sintonia.
Il duo, a distanza di due anni dallo scorso album, si è chiesto se confermare o smentire tutte quelle etichette che critica e pubblico hanno attribuito in questi anni di concerti; questo nuovo disco è una profonda ricerca di identità.
Autrici e polistrumentiste, Chiara Castello e Camilla Matley, scrivono canzoni di stampo electro-pop con richiami alle più diverse influenze. La forza del loro sound si trova in bilico tra le loro due personalità, quella più ironica e la follia, il divertimento e la serietà, il minimalismo e l’art-pop, il digitale e l’analogico, il tutto avvolto da quel velo di malinconia di derivazione dark new-wave che le accomuna.
Le canzoni raccontano il cambiamento, la ricerca, tutte quelle esperienze e quei rapporti che nella vita mutano: in Daughter lo scontrarsi la prima volta con la percezione di quello che la società vuole da noi, in Walls Coming Down, A Reason troviamo le storie d’amore che vanno in crisi per l’incapacità di ascoltarsi e in The Road troviamo le strade che si aprono quando le relazioni finiscono e prendono altre direzioni.

Pamela Rovaris
Mi chiamo Pamela Rovaris, ho ventisette anni, faccio la fotografa (o almeno ci provo) e sono una sognatrice. Dopo la formazione alla scuola superiore di grafica pubblicitaria di Bergamo, ho proseguito i miei studi alla Libera Accademia di Belle Arti di Brescia dove ho conseguito il diploma accademico in fotografia. Ho mosso i primi passi nel mondo della fotografia di musica per pura passione, un po’ per caso o per gioco. Da alcuni anni mi sono avvicinata al mondo dello spettacolo e della musica in modo professionale, in modo particolare ho scelto un approccio a livello personale incentrato su uno sguardo reportagistico. Ho tanti sogni che col tempo ho capito che non sono da inseguire, ma da costruire, a passi piccoli.