Ieri sera è andato in scena a Ferrara uno dei migliori live visti in Italia negli ultimi 5 anni. Un concerto assolutamente fuori dal comune degli LCD Soundsystem nella loro unica data italiana dell' "American Dream Tour"

James Murphy è un pazzo. James Murphy è un genio. Si gioca tutto su questa dicotomia, su questo filo sottilissimo la grandezza degli LCD Soundsystem: come un equilibrista del rock James ci cammina sopra leggero come una piuma nonostante la sua mole e riesce a creare un sound unico al mondo, un sound che è stato di ispirazione per una generazione intera di musicisti. Quello che si è visto ieri sera in una piazza Castello stracolma è stato la summa, l’apoteosi, la transustanziazione di quel suono in corpi e anime di chi era sopra e sotto il palco: gli LCD Soundsystem sono stati letteralmente epici in questa serata ferrarese che, a dispetto del meteo che annunciava pioggia, si è rivelata invece calda e umida.

Trasformare la piazza in una gigantesca dancehall raccontando l’unicità e la grandezza del sogno americano, un sogno americano in cui spesso si finisce per specchiarsi troppo e rimanere soli, vittime di un consumismo esasperato: questo hanno fatto James Murphy e compagni per 2 ore di show senza soluzione di continuità, in un crescendo ritmico impressionante, facendo sfoggio di tecnica applicata al buon gusto.

I bassi che pompano fino a far tremare le scatole craniche, la batteria pulsante, la voce di James che si eleva, sciamano di un rito moderno e pagano, ballo tribale degli anni ’10. Gioia. Festa. Il live è stato tutto questo, compresso e liberato istantaneamente come se fossimo tutti dentro a un gigantesco carillon con sorpresa che doveva solo arrivare al punto giusto di carica per aprirsi.

Da “You wanted a hit” fino a “Call the police”, da “Oh, baby” alla sempre attesissima “Dance yrself clean” non una sola hit manca alla setlist di questa serata che resterà nella mente di tutti i presenti per tanto tanto tempo: ci sono concerti di cui se ne percepisce immediatamente la magia, dalla prima nota e ieri sera era uno di questi, a cominciare dall’allestimento delle luci, con la gigantesca palla stroboscopica alle spalle di Murphy che era la coprotagonista della serata e ha regalato ancora più straordinarietà al set, soprattutto quando il teone sullo sfondo si illuminava in versione cielo stellato.

Sembrava davvero di stare dentro un sogno, quel sogno americano che James ci fa vivere ogni volta da oltre 10 anni.  E che, sinceramente, dopo essere stato bruscamente interrotto una volta, speriamo non finisca più.

LCD Soundsystem Setlist @ Ferrara sotto le stelle (13/06/18)

You wanted a hit

Tribulations

I can change

Call the police

Get Innocuous!

Yr city’s a sucker

Movement

Someone great

Tonite

Home 

How do you sleep?

 

Oh, baby

Emotional haircut

Dance yrself clean

All my friends

Alessio Gallorini
Classe 1987. Scrive e ascolta musica fin da quando gli hanno comprato uno stereo e dato un'educazione. Toscano doc, conduce un programma radiofonico tutto "home-made" che non poteva che chiamarsi "L'Appartamento". Laureato in giurisprudenza, ma allergico ai tribunali. Ama la letteratura e tutto ciò che è arte. Finchè non si annoia. Frase del cuore: "Costruire è sapere, è potere rinunciare alla perfezione".